Tasi, coniugi separati

Home Forum TASI, IMU, IUC, TARI: le imposte sul possesso Tasi, coniugi separati

Questo argomento contiene 10 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  nico 2 anni, 2 mesi fa.

Stai vedendo 11 articoli - dal 1 a 11 (di 11 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #18005

    michele cardulli

    Buon giorno sono separato legalmente da mia moglie e la casa di nostra proprietà (50 per cento per uno) è stata assegnata a lei dal giudice.

    Devo comunque pagare la Tasi, oppure, come accade con l’Imu la deve pagare interamente lei?


    #18007
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    La regolamentazione di questo caso rimane quella che era in vigore con l’IMU, quindi il pagamento spetta per intero al coniuge che ha ottenuto i diritti sull’immobile.
    Tu risulti di fatto solo nudo proprietario e dunque non sei soggetto a tasse ne’ imposte su tale immobile.

    Va ricordato che si tratta di una novità recente, perché fino a 3 anni fa in questi casi il pagamento spettava ad entrambi i coniugi ognuno relativamente alla propria quota di proprietà, con la “beffa” per il coniuge che non aveva assegnata la casa, che era pure costretto a pagare l’IMU come una seconda casa.

    #18050

    Mauro

    Buon giorno sono divorziato legalmente e la casa di nostra proprietà (50 per cento per uno ma dove dimoro solo io) in separazione/divorzio non e’ stata assegnata a nessuno dei due per mancanza di figli (seguendo le regole della proprieta’). Considerato il fatto che il 50 per cento della mia ex moglie e’ soggetto a pignoramento immobiliare come dovrebbe avvenire il pagamento della TASI?

    #18056
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Mauro: ognuno deve pagare relativamente al proprio 50%. SI applicheranno le agevolazioni di abitazione principale (dette “prima casa”) a chi vi è residente.

    #18191

    Domenico

    Buongiorno sono separato legalmente da mia moglie e la casa di nostra proprietà (50 per cento per uno) è stata assegnata a lei dal giudice.
    Io mi sono trasferito nell’abitazione di mio figlio di sua proprietà al 100%, volevo sapere sono obbligato a comunicare il cambio di residenza oppure posso farne a meno?
    Ai fini Imu e Tasi che non dovro’ pagare sulla casa assegnata a mia moglie, devo invece pagare la Tasi sulla casa di mio figlio?
    stessa domanda per la Tari?
    Grazie antiicpatamente
    Cordiali saluti

    #18195
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Domenico, la residenza va sempre dichiarata laddove essa è, a maggior ragione se a seguito della separazione ti sei impegnato a cambiare residenza.

    Gli oneri per la casa assegnata a tua moglie sono tutti a suo carico, mentre tu dovrai farti carico di TARI ed una parte di TASI per l’immobile di tuo figlio. IMU è invece interamente a suo carico in quanto proprietario.

    #18335

    Paolo

    Buongiorno
    Il comune mi chiede gli arretrati del ICI e IMU,spiego: la mia abitazione principale dove sono stato residente fino al 06/06/2010 è così accatastata, per metà e’ proprietaria mia madre ed io detengo la nuda proprietà ,e l’altra metà siamo proprietari al 50% io e mia madre,questo perché la mia abitazione è stata costruita su due terreni uno già di proprieta di mia madre e l’altro confinante acquistato da me e da mia madre e mia madre si è riservata l’uso frutto, comunque la casa è’ un unica abitazione classificata A7.Nel 2003 io mi sposo e mia madre mi concede l’abitazione in uso gratuito
    Con regolare deposizione in comune , quindi come prima domanda è: ai fini ici il comune mi può considerara tutto (la quota di mia madre e la mia) come prima casa e percepire le detrazioni spettanti? Io ho trovato la sentenza di cassazione 3397 del 12/02/2010 che specifica che anche se ci sono più immobili che risultano catastalmente ma tutti adibiti come abitazione principale,solo ai fini ICI si possono considerare come un unica abitazione principale e usufruire delle detrazioni prima casa. Quindi, poi, nel momento che io sposto la residenza perché mi separo da mia moglie è il giudice in data maggio 2010 concede tutta l’abitazione principale (quota di mia madre e quota mia)alla mia ex moglie ed hai miei due figli. Io quindi , al comune gli chiedo dal momento che ho spostato la residenza di applicare l’aliquota prima casa solo sulla quota mia di appartenenza dato che credo sia decaduto il diritto di uso gratuito e quindi io trovo giusto che paghi mia madre seconda casa per tutto ciò che è suo e quello che è’ rimasto a mia ex moglie che è mio di pagare come prima casa.tutto questo fino al tutto il 2011. Con l’arrivo dell’IMU 2012, il soggetto passivo ai sensi del comma 12 quinquies dell art. 4 del dl n. 16 del 2012 ,è ex coniuge affidatario della casa coniugale che con sentenza di separazione e il titolare del diritto di abitazione,(IL COMMA 12 QUINQUIES dice: AI SOLI FINI DELL’ IMU ,L’ASSEGNAZIONE DELLA CASA CONIUGALE AL CONIUGE ,DISPOSTA A SEGUITO DI PROVVEDIMENTO DI SEPARAZIONE LEGALE ,SI INTENDE IN OGNI CASO EFFETTUATA A TITOLO DI DIRITTO DI ABITAZIONE.)quindi io contesto al comune il fatto che in ogni caso il tributo debba essere pagato dalla mia ex coniuge e che possa usufruire delle detrazioni e di riconoscere il diritto di abitazione almeno sulla parte che posseggo al 50% insieme a mia madre perché quello è un unico immobile anche a livello catastale, e ciò che è’ di mia madre al 100% pagare come seconda casa.preciso che io nn ho nessun altro immobile e mia madre ha un altro immobile inagibile,ed entrambi risiediamo nella casa di famiglia di mio padre.mi scuso per essermi dilungato…. Porgo distinti saluti.

    #18341
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Paolo: la situazione è molto complessa, io ritengo che la chiave per l’individuazione del soggetto passivo (o dei soggetti), sia la verifica dei diritti tuoi e di tua madre e del loro storico, per capire se e quali sono decaduti a seconda delle varie situazioni che si sono venute a creare… penso che per contestare quanto richiesto dal comune ti occorra una consulenza specifica.

    #18394

    renato

    Ho acquistato casa insieme alla mia compagna,a seguito di incopatibilita’ ci siamo rivolti al tribunale per la separazione.Il giudice ha assegnato la casa a lei,insieme all’affido del nostro bambino.Io sono andato via e adesso vivo in affitto.A giugno scorso ho dovuto pagare l’IMU come seconda casa,nonostante non ho altre proprieta’.E’ giusta questa tassazione?Grazie per la risposta.

    #18396
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Renato: ritengo che non sia corretto. Se il giudice ha concesso a lei l’uso della casa, tu non sei più soggetto passivo ma solo nudo proprietario.

    #18732

    nico

    buongiorno,
    sono separato legalmente da 3 anni. la casa coniugale, di proprietà mia e di mio fratello, è stata assegnata per anni alla mia ex moglie ed a nostro figlio. lei si rifiuta di pagare la TARI. mi chiedo: a chi spetta tale pagamento?
    grazie in anticipo per la risposta.
    cordiali saluti


Stai vedendo 11 articoli - dal 1 a 11 (di 11 totali)
Rispondi a: Tasi, coniugi separati
Le tue informazioni:




<a href="" title="" rel="" target=""> <blockquote cite=""> <code> <pre> <em> <strong> <del datetime=""> <ul> <ol start=""> <li> <img src="" border="" alt="" height="" width="">