Perdita agevolazioni prima casa, calcolo importi da pagare

Home Forum Acquisto (prima) casa Perdita agevolazioni prima casa, calcolo importi da pagare

Questo argomento contiene 4 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Avatar Giovanni 5 anni, 8 mesi fa.

Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #17318
    Avatar

    Giovanni

    Salve, chiedo per cortesia alcuni chiarimenti sul calcolo delle imposte da pagare in caso di mancato riacquisto entro un anno dalla vendita della prima casa (venduta prima dei 5 anni).
    Se ho ben capito sarebbe da pagare:

    1. 7% imposta di registro + 3% imposte ipocatastali (deducendo quanto già pagato al momento dell’atto di acquisto, considerando, come richiesto a suo tempo, in entrambi i casi IL VALORE CATASTALE e non il prezzo di acquisto)
    2. interessi legali sulla differenza di cui sopra, calcolati dalla vendita (2012) e non dall’acquisto (2011)
    3. zero sanzioni perché mi autodenuncerei (risoluzione Agenzia Entrate 112E/2012)
    4. zero interessi di mora in caso di pagamento immediato;

    Essendo cifre per me molto alte, ogni aiuto o conferma è molto gradita, in particolare vi chiedo conferma se posso chiedere, anche nella rideterminazione dell’imposta, che questa venga applicata sul valore catastale. Grazie


    #17325
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    A mio giudizio la differenza di imposte, pari a circa il 7%, va calcolata sul valore di acquisto e non su quello catastale.
    Parimenti, gli interessi passivi vanno calcolati dal momento in cui sarebbe dovuta essere stata versata la somma che adesso si va a saldare.

    Non ho peraltro notizie concordati sull’autodenuncia, dato che in molti sostengono che non viene accettata e che si debba obbligatoriamente attendere l’arrivo della cartella.

    #17326
    Avatar

    Giovanni

    Prima di tutto grazie della risposta.
    Sull’autodenuncia è scritto anche nell’annuario del contribuente che si può presentare istanza e attendere la riliquidazione.
    Non capisco però perché le imposte andrebbero ora calcolate sul prezzo di acquisto e non più sul valore catastale: sulla base della LEGGE 23 dicembre 2005, n. 266, art. 1, comma 497, non capisco per quale motivo: perché sostiene questo? A suo tempo, come richiesto al notaio, avevo pagato basandomi sul valore catastale (che è molto inferiore!); in caso contrario le imposte a conguaglio sarebbero enormemente più alte.

    Aggiungo la considerazione che se al momento dell’acquisto non avessi invocato i benefici prima casa (oppure si fosse trattato di seconda casa), avrei potuto chiedere al notaio di pagare in ogni caso in base al valore catastale e non in base al prezzo di acquisto, proprio sulla base del comma 497 della legge 266/05, art. 1 (che menziona solo immobili ad uso abitativo, senza specificare altro).

    #17329
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Giovanni: si, ha ragione, mi scusi, se ha richiesto le imposte su valore catastale essendo compravendita tra privati, è ragionevole che le maggiori imposte vengano calcolate su tale base e non sul prezzo pattuito.

    Per quanto riguarda la possibilità di evitare la sanzione autodenunciandosi, in effetti ho ricontrollato e una nuova normativa lo permette. E’ bene ricordare che, comunque, anche quando si riceve la cartella è possibile avere una notevole diminuzione della sanzione del 30% pagando entro 60 giorni (diminuzione ad 1/4).

    Dovrebbe dunque essere come dice nel primo intervento.

    #17346
    Avatar

    Giovanni

    Per informazione, stamattina ho consegnato l’istanza all’Agenzia delle Entrate di rinuncia ai benefici prima casa. Mi è stata confermata l’assenza di sanzioni, gli interessi solo legali calcolati dalla registrazione dell’atto di acquisto e le imposte (7% + 3%) da calcolarsi ancora sul valore catastale (però con coefficiente 120 invece che 110).


Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.