Incongruenze su abitazione principale per coniugi con residenze separate

Home Forum TASI, IMU, IUC, TARI: le imposte sul possesso Incongruenze su abitazione principale per coniugi con residenze separate

Questo argomento contiene 8 risposte, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da Esperto Esperto 4 anni, 3 mesi fa.

Stai vedendo 9 articoli - dal 1 a 9 (di 9 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #2112

    giuseppe

    1^ DOMANDA: Nel modello unico della dichiarazione dei redditi viene definita abitazione principale quella nella quale il contribuente, , O (lettera O) il suo nucleo familiare, risiedono e dimorano abitualmente.
    Per quanto riguarda l’IMU (in base al decreto fiscale approvato da pochi giorni al Senato) sembra invece che venga definita abitazione principale quella nella quale il contribuente, possessore di immobile, E (lettera E) il suo nucleo familiare, risiedono e dimorano abitualmente.
    La domanda a questo punto è la seguente: due coniugi con residenze separate pagheranno, per un immobile, l’IRPEF come abitazione principale (cioè nulla) e l’IMU come seconda casa (senza nessuna detrazione)?

    2^ DOMANDA: E’ vero che la nuova IMU sugli immobili a disposizione consentirà di non pagare l’IRPEF e le addizionali regionali e comunali a partire dalla dichiarazione dei redditi da presentare nel 2013 (redditi 2012) ?


    #2182
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Giuseppe, capisco le tue perplessità. La nuova definizione di abitazione principale è molto recente e ancora non è ben chiaro come si devono comportare i coniugi con residenze disgiunte. La nostra interpretazione è che (nonostante la definizione che specifica la “E”) anche se uno dei due non vive nell’immobile dichiarato come principale, la famiglia abbia comunque diritto alla aliquota agevolata (ma solo per una casa).
    Se l’immobile dove vive l’altro coniuge è di sua proprietà, questo sarà assoggettando ad aliquota IMU ordinaria a meno che non sia sito in un comune diverso. In tal caso, sembra (attendiamo precisazioni in merito) che anche questo possa beneficiare dell’aliquota prima casa.

    Ai fini IRPEF, in verità, il reddito derivante dal possesso è stato integrato nell’IMU e dunque indipendentemente dalla dichiarazione nulla si pagherà in ogni caso sulla dichiarazione dei redditi per il possesso di immobili, oltre all’IMU. Questo, se non sbaglio, è valido da subito, ma per le addizionali comunali e regionali è bene fare riferimento al regolamento del proprio comune (e regione).

    #2387

    margherita

    Partecipo alla discussione in quanto situazione simile.
    Io e mio marito siamo soli, ciascuno proprietario di immobile in regime di separazione di beni, un coniuge ha residenza, medico, mutua, utenze intestate e funzionanti,vota etc. in una Regione, l’altro ha residenza, medico, utenze intestate e funzionanti,vota etc. in altra Regione. Ho letto il testo legislativo che cita: Per abitazione principale si intende l’immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale, le agevolazioni per l’abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile.
    Io ho capito che trattasi di limitazione per residenze in uno stesso comune e non dice residenze su tutto il territorio nazionale, mi sembra quindi che ci si debba comportare ancora con le regole dell’ICI.
    I criteri fissati dalla legge sono: immobile iscrivibile o iscritto in catasto come unica unità immobiliare, dimora abituale e residenza anagrafica.
    Non credo neanche che c’entri l’obbligo matrimoniale di convivenza, trattasi solo di definizione di abitazione principale ai fini tasse.
    Il possessore può essere anche da solo nucleo familiare, basta fare lo stato di famiglia e risulta lui o lei sola.
    giusto?

    #2399
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Margherita: ti confermo tutto quanto, specialmente l’ultima parte che da una interpretazione a mio avviso corretta di cosa intende la legge IMU in merito all’abitazione principale.

    #2449

    margherita

    EUREKA grazie mille, mi togli un peso dal cuore!!

    #8707

    simonetta

    io e mio marito siamo ciascuno proprietari di un immobile in regioni diverse e siamo in regime di separazione dei beni. Una delle nostre figlie che non è sposata,vive e risiede nell’abitazione di mia proprietà. L’appartamento in cui abita questa nostra figlia, essendo frutto di un’eredità, è per il 50% di mia sorella insieme con altri immobili. Dal momento che siamo d’accordo su come dividere tutta l’eredità e a me toccherà per intero questo appartamento, ( l’atto notarile avverrà entro febbraio 2013 sicuramente), ai fini della tassazione all’atto notarile e ai fini dell’IMU e dell’IRPEF, cosa dovrò pagare allo stato?
    Grazie Simonetta

    #8899
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Simonetta: Questo immobile è certamente da considerare come una seconda casa. Non ho ben capito se l’atto di successione è gia stato fatto o meno, ma sembra di si. In tal caso, tu pagherai il 50% fino al nuovo atto.

    #16649

    Tiziana

    Salve, a luglio del 2011 ho partecipato ad un asta immobiliare aggiudicandomi l’immobile. Premetto che per partecipare all’asta dovevo avere dei requisiti, per avere le agevolazioni prima casa, tra cui nel caso di matrimonio essere in regime di separazione di beni, risiedere nel comune dell’immobile in oggetto d’asta e portarvi la residenza entro 18 mesi dalla data di acquisto; e così è stato. Quindi lo stato e l’ufficio delle entrate mi hanno riconosciuto l’immobile come prima casa restituendomi anche l’iva versata.

    Il mio nucleo familiare risiede nello stesso comune dell’immobile acquistato, ma io non ho più la residenza con il mio nucleo familiare.
    La mia domanda è questa: considerato che l’ufficio delle entrate mi ha riconosciuto l’immobile come prima casa ai fini fiscali, devo pagare l’imu sull’immobile preso all’asta?
    Mi sembra davvero strano che devo pagare per un abitazione riconosciuta “prima casa” ai fini fiscali dall’ufficio delle entrate anche se questa è situata nello stesso comune di residenza del mio nucleo familiare.

    #16669
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Tiziana: come spesso ricordiamo, l’IMU agevolata (quella che è stata adesso sospesa) non è sulla “prima casa” come dicono i telegiornali bensì sull’abitazione principale, ovvero quella in cui si ha residenza e dimora, concetto completamente diverso e che prescinde dal come si è acquistato l’immobile (che potrebbe dunque anche essere una “seconda casa”).


Stai vedendo 9 articoli - dal 1 a 9 (di 9 totali)
Rispondi a: Incongruenze su abitazione principale per coniugi con residenze separate
Le tue informazioni:




<a href="" title="" rel="" target=""> <blockquote cite=""> <code> <pre> <em> <strong> <del datetime=""> <ul> <ol start=""> <li> <img src="" border="" alt="" height="" width="">