IMU per i separati non assegnatari.

Home Forum TASI, IMU, IUC, TARI: le imposte sul possesso IMU per i separati non assegnatari.

Questo argomento contiene 1 risposta, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da Esperto Esperto 5 anni, 9 mesi fa.

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #1518

    paolo

    Ho un’immobile in comproprieta’, con relativo mutuo cointestato (50%) con la mia ex moglie, da cui
    sono legalmente separato. Per effetto della separazione legale, il giudice assegna il godimento (non la proprieta’ che rimane indivisa al 50% ai rispettivi ex coniugi) alla mia ex, sino all’indipendenza economica di un minore, (mia figlia). Trasferisco il domicilio (ma non ancora la residenza anagrafica) in un altro immobile, che acquisto come seconda casa (pagando le relative tasse come appunto seconda casa) ed ici come seconda casa, mentre per la prima non si pagava nulla, in quanto c’era l’esenzione, ed in sede di dichiarazione dei redditi, detraevo gli interessi passivi del mutuo, solo relativamente alla prima casa (quella ex coniugale, al 50% ) e non anche quelli della seconda casa, anch’essa gravata da mutuo (100% al medesimo)
    Siccome sto divorziando, devo effettuare anche il trasferimento della residenza anagrafica (una precisa condizione del divorzio chiesta dalla mia ex) nel nuovo immobile (ripeto acquistato come seconda casa) in cui avevo gia’ dal tempo della sentenza di separazione, stabilito il domicilio.
    Situazione fiscale attuale:
    1) nel mod. 730/12 ho continuato a classificare la ex casa coniugale come prima casa al 50% ai fini del reddito irpef ed a detrarre i relativi interessi passivi del mutuo cointestato sempre al 50%;
    2) la casa in cui ho attualmente domicilio, considerata seconda casa ai fini irpef, (mancata considerazione interessi passivi mutuo)
    3) dopo aver trasferito anche la residenza anagrafica (prima della scadenza IMU), nella casa in cui ho gia’ il domicilio, cioe’ la dimora abituale, come si devono pagare le
    IMU relative alle due case, quella ex coniugale e l’altra dove sono gia’ da tempo domiciliato ed in cui mi sto anche trasferendo anagraficamente?
    Vorrei sapere se e’ corretto procedere nel seguente modo:
    IMU prima casa come abitazione principale per la ex casa coniugale, a carico della mia ex moglie, giacche’ ella ne conserva per sentenza del giudice, il possesso esclusivo (non la proprieta’ che rimane al 50%) e la sua dimora abituale, ed IMU come abitazione principale per l’altro ‘immobile nel quale ho appunto da tempo il domicilio, acquistato fiscalmente come seconda casa, ma per effetto della separazione, e del trasferimento di residenza anagrafica prossimo, nonche’ ai sensi dell’art, 13 del Decreto Monti, a tutti gli effetti da considerare alla stregua dell’abitazione principale, dove si ha la dimora abituale, da ascrivere chiaramente al sottoscritto.
    Grazie per le delucidazioni, Paolo.


    #1615
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Paolo, la tua analisi è approfondita e corretta, sempre ammesso che l’emendamento “rivoluzionario” per i divorziati approvato alla camera il 16 Aprile, non venga modificato nel passaggio in Senato.


Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
Rispondi a: IMU per i separati non assegnatari.
Le tue informazioni:




<a href="" title="" rel="" target=""> <blockquote cite=""> <code> <pre> <em> <strong> <del datetime=""> <ul> <ol start=""> <li> <img src="" border="" alt="" height="" width="">