IMU per genitori separati di fatto ma non legalmente

Home Forum TASI, IMU, IUC, TARI: le imposte sul possesso IMU per genitori separati di fatto ma non legalmente

Questo argomento contiene 25 risposte, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da  Nadine 6 anni, 2 mesi fa.

Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 26 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #1497

    Pier Luigi

    Io possiedo la casa di abitazione dove vivo e sono residente assieme a mio figlio (26 anni compiuti a Gennaio). Mia moglie possiede la sua casa dove vive e risiede assieme a nostra figlia ma in un altro comune. Io non possiedo alcuna quota della sua abitazione e lei non possiede alcuna quota della mia. Come ci dobbiamo comportare per l’IMU?

    E’ giusto ritenere che ciascuno pagherà l’IMU per la sua casa come abitazione principale.


    #1548
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Come precisato dall’emendamento del 16 Aprile 2012, una sola delle due abitazioni potrà beneficiare dell’aliquota prima casa, a scelta vostra.

    #1570

    Rosario

    Buonasera, sono proprietario 100% di un immobile e mia moglie di un’altro al 100% in comuni diversi, abitualmente abito nell’immobile di mia moglie, abbiamo la separazione dei beni, dal forum ho capito che devo regolarizzare la ns. posizione denunciando quale è l’abitazione abituale della famiglia, ma cosa occorre fare una dichiarazione a chi?
    Per l’ICI era lo stesso?
    Grazie

    #1572
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Rosario: la dichiarazione va fatta in comune ed è li che troverai la modulistica necessaria, tuttavia attendiamo la versione definitiva della legge per capire come funziona esattamente IMU per i coniugi con residenze separate.

    #1577

    Gino

    Mia moglie è in affitto a milano e ivi residente, mentre io sono residente in un altro paese in un appartamento di mia proprietà.
    Non siamo separati, i figli sono già fuori dallo stato di famiglia di entrambi.
    Sono pensionato, vivo un pò a Milano e un pò nel mio appartamento nell’altro comune.
    Il comune dove sono residente pretende di considerare il mio appartamento come seconda casa.
    E’ giusto?

    #1586
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Gino: in base a cosa non ti viene riconosciuto lo status di “prima casa”? A causa della diversa residenza della moglie oppure a causa del fatto che non sei ivi residente stabilmente?
    Con le leggi che ci sono sempre state, hai diritto a considerare l’immobile come principale, previa dichiarazione di tua moglie che questo è l’immobile familiare…. mentre per quanto riguarda la nuova regolamentazione IMU attendiamo la versione definitiva della legge.

    #1581

    Pier Luigi

    Mi scuso se insisto ma non avendo alcuna quota di possesso della casa di mia moglie, non vedo come possa il sottoscritto essere obbligato a pagare per qualcosa che non possiede e non utilizza, dato che ciascuno di noi risiede nel comune dove ha la propria abitazione. Se chiedo uno stato di famiglia al mio comune risultiamo solo io e nostro figlio e così pure mia moglie con nostra figlia nel suo comune.

    In ogni caso se anche la legge obbligasse a scegliere un comune dove pagare l’ IMU per l’abitazione principale con che criterio si deve fare la scelta.
    Grazie per le cortesi risposte.

    #1590
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Pier Luigi: forse mi sono espresso male.
    Una sola delle due abitazione può beneficiare dell’aliquota agevolata, l’altra va in aliquota ordinaria, è ovvio poi che ogni proprietario pagherà la tassa per il proprio immobile e non per l’altro. La scelta andrà fatta di accordo tra i due coniugi e dichiarata al comune.

    Attendiamo comunque la versione definitiva della legge per trarre conclusioni definitive.

    #1699

    Nadia

    Buona sera, anche io sono nella stessa situazione del Sig. Pier Luigi ma la mia residenza e quella di mio marito è nello stesso comune ed indirizzo, io al piano terra e lui al primo piano. Abbiamo scelto questa soluzione per stare tutti e due vicino ai nostri 2 figli che hanno la residenza con me.
    Ma la mie domande sono altre….se veramente mio marito non potrà beneficiare dell’aliquota agevolata e quindi pagare imu come seconda casa….non potrà neanche scaricare gli interessi passivi del mutuo? Per lui è prima casa ed ha avuto tutte le agevolazioni “prima casa” per l’acquisto. E per quanto riguarda invece enel gas ecc. dovrà pagarli come seconda casa oppure no visto che ha la residenza e dimora abituale.
    Grazie in anticipo per la cortese risposta.

    #1714
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Nadia: non dovrebbero esserci problemi ne’ per la detrazione degli interessi passivi del mutuo, ne’ per gli allacciamenti come residente.

    #1733

    Stefano

    Buongiorno, le sottopongo la mia situazione: sposato con figlia, regime di separazione dei beni, sia io sia mia moglie siamo proprietari di un immobile in comuni diversi.

    Mia moglie non ha mai preso la residenza nel comune (Bologna) dove ci siamo sposati e da due anni vive stabilmente nella sua casa (a Genova) con mia figlia (che anche se nata a Bologna ha preso subito la residenza della madre per non so quale legge). Io lavoro e vivo nel mio comune di residenza (e nascita) e passo alla mia famiglia un tot mensile perchè mia moglie non lavora. Ora vorrei capire se entrambe le abitazioni usufruiscono della detrazione come prima casa e vorrei capire se entrambe pagano aliquote come prima casa. Mi sembrerebbe profondamente ingiusto, dalle risposte che leggo, che rischi (ad esempio sulla mia casa) di non aver detrazioni prima casa e vedermela tassare pure con aliquote da seconda casa quando questa è il fulcro dei miei interessi tra residenza (e dimora abituale) e lavoro. Grazie e cordiali saluti.

    #1738
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Stefano: la vostra è una famiglia separata di fatto, ma non per la legge. Stando alle ultime modifiche in tema di IMU, sembra proprio che potrete beneficiare delle aliquote “prima casa” e delle detrazioni per un solo immobile, l’altro andrà come seconda casa.
    Attendiamo però la versione definitiva della legge per trarre le conclusioni (e pagare).

    #1940

    carlo romano

    Buongiorno. Una domanda sull’ IMU.

    Io e mia moglie siamo comproprietari di due appartamenti contigui ma accatastati separatamente ed abbiamo fatto la separazione consensuale per questioni legate alle pensioni. Abbiamo attualmente la residenza separata, ognuno in uno dei due appartamenti. Mi sembra di aver capito che io pagherò metà prima casa di dove risiedo e metà seconda casa di dove risiede mia moglie e la stessa cosa dovrà fare lei; è così? cordiali saluti carlo romano

    #1966
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Carlo: è esatto, dovrete scegliere quale dei due immobili eleggere ad abitazione principale della famiglia: su questo potrà essere applicata l’aliquota agevolata (per entrambi), mentre al’altro sarà tassato come seconda casa.

    Attendiamo comunque la versione definitiva della legge, perchè su questo specifico punto ci sono ancora modifiche in corso….

    #2176

    ROSA MARIA

    Nella Legge 22/12/11 n. 214 (Salva Italia) art.13 comma 2 per “Abitazione principale” si intende l’immobile, inscritto o iscrivibile nel catasto urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore dimora abitualmente e risiede anagraficamente;
    Nella Legge 26/04/12 n. 44 (Semplificazioni) art.4, punto 5, paragrafo a), la definizione di “Abitazione principale” diventa: l’immobile, inscritto o iscrivibile nel catasto urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Viene inoltre aggiunto che nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale, le agevolazioni per l’abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile”;

    La domanda a questo punto è la seguente: marito e moglie, possessori di casa in comuni diversi e con residenza disgiunta per motivi di lavoro, hanno diritto ad una detrazione sull’abitazione principale visto che sembra necessaria la stessa residenza per tutto il nucleo familiare?


Stai vedendo 15 articoli - dal 1 a 15 (di 26 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.