Beneficiare detrazione interessi passivi con cambio di residenza per lavoro

Home Forum Mutui Beneficiare detrazione interessi passivi con cambio di residenza per lavoro

Questo argomento contiene 4 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da Esperto Esperto 4 anni, 7 mesi fa.

Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #5797

    Vincenzo

    Salve, sono proprietario di una casa in Sicilia da 3 anni circa, l’ho acquistata, con mutuo, come prima casa e vi ho stabilito la residenza entro 18 mesi come per legge e quindi oltre a non pagare imu ho usufruito delle detrazioni degli interessi passivi. Da qualche mese mi sono dovuto trasferie a Milano per motivi di lavoro ma ho lasciato la residenza lì. Ho letto sulla guida fiscale dell’agenzia dell’entrate che se cambio residenza in altro comune per motivi di lavoro posso continuare a usufruire delle agevolazioni di “abitazione principale” (Imu e detrazioni intessi mutuo) salvo che l’immobile non sia locato. È corretto?
    Inoltre volevo chiedere: dato che attualmente sto pagando un affitto a Milano (non indifferente !) e una rata di mutuo, se continuo a lasciare la residenza in Sicilia posso affittare la casa (a qualcuno che eventualmente vorrà stabilirvi anch’egli la residenza) e avere domicilio a Milano continuando a usufruire delle agevolazioni IMU e detrazioni interessi passivi?

    Insomma cosa mi conviene fare per evitare che tutto lo stipendio se ne vada in affitto e rata mutuo?

    Grazie mille in anticipo per il tempo che potrete dedicarmi…!

    Vincenzo


    #5816
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Distinguiamo le due agevolazioni. IMU ha regole nuove rispetto all’ICI, più severe. Se sposti dal tuo immobile la residenza perdi l’agevolazione, anche se questo avviene per motivi di lavoro. L’agevolazione viene persa anche se mantieni la residenza ma non abiti più li, anche se è evidente che questo è più difficilmente dimostrabile. Qualora tu affittassi le cose sarebbero ancora più complesse in quanto il contratto di affitto stesso sarebbe una prova del fatto che non vi abiti, a meno che tu non inserisca clausole nelle quali ti riservi l’uso di una stanza.

    Per quanto riguarda la detrazione degli interessi passivi del mutuo, ti confermo che a fronte del cambio di residenza per lavoro è ancora possibile, e lo è anche se concedi in affitto l’immobile.

    #5840

    Vincenzo

    estremamente chiaro e consciso… senza parole!
    davvero grazie tantissimo!!

    #13962

    Silvano

    Salve, sono proprietario di una casa aParmada 3 anni circa, l’ho acquistata, con mutuo, come prima casa e vi ho stabilito la residenza entro 18 mesi come per legge e quindi ho usufruito delle detrazioni degli interessi passivi. Mia moglie ed i miei figli invece hanno mantenuto la residenza in un altra abitazione (sempre nello stesso comune) che ci è stata data in comodato d’uso gratuito dal nostro datore di lavoro. Ora vorrei riportare la mia residenza dove risiede la mia famiglia
    Cercando informazioni in rete ho trovato questo articolo:

    INTERESSI SU MUTUI IPOTECARI PER L’ACQUISTO DELL’ABITAZIONE PRINCIPALE.
    [omissis…]
    CHIARIMENTI:
    – per abitazione principale s’intende l’immobile nel quale la persona fisica che lo possiede in proprietà o altro diritto reale, o i suoi familiari, dimorano abitualmente. Si ritiene che “adibire” la casa ad abitazione principale, non significa necessariamente trasferirvi la residenza anagrafica. E’ sufficiente che in essa vi sia la “dimora abituale” del contribuente che può essere attestata anche da un’apposita autocertificazione resa dal contribuente.

     

    Mi sembra quindi di capire che potrei cambiare la residenza ed allo stesso tempo fornire un autocertificazione che attesti che ladimora abituale sia rimasta invariata, GIUSTO?

    Grazie anticipatamente perlarisposta
    saluti
    Silvano

    #14281
    Esperto

    Esperto

    Amministratore del forum

    Silvano: è vero, ma non è così ovvio dichiarare residenza da una parte mantenendo domicilio altrove. A seguito della domanda di residenza, ci sarà un controllo nel quale, accertato che non hai residenza laddove dichiarato, potrebbe rifiutare il cambio.


Stai vedendo 5 articoli - dal 1 a 5 (di 5 totali)
Rispondi a: Beneficiare detrazione interessi passivi con cambio di residenza per lavoro
Le tue informazioni:




<a href="" title="" rel="" target=""> <blockquote cite=""> <code> <pre> <em> <strong> <del datetime=""> <ul> <ol start=""> <li> <img src="" border="" alt="" height="" width="">